Benvenuti Welcome to my BLOG

Benvenuti nel mio Blog .
Ormai tutti ne parlano, quindi mi sono detto... perchè non aprirne uno.
Non so ancora di cosa trattare come argomento principale ma sicuramente la grafica e le nuove tecnologie sono le benvenute.

In questo Blog troverete Tutorial grafici, oggetti 3d free, racconti di varia natura, scienza e tecnologia.


giovedì 23 ottobre 2008

Gli Zombie del futuro masticano musica

Quanto è bella la tecnologia... se la si usa in un certo modo.
Nel titolo parlavo di Zombie ma non di quelli che siamo abituati a vedere nei film, ma di una nuova razza, che troviamo per le strade nei treni nelle auto insomma dappertutto. 
Ho cominciato ad accorgermi degli Zombie andando al lavoro in metropolitana. Ed ogni giorno che passa ne sono sempre di più, questa è una epidemia che non si puo fermare , mi capita spesso di trovare questi zombie davanti a me che fanno la mia stessa strada io accellero il mio passo e loro sono lì che procedono lentamente e non ce modo che sentino la mia voce "permesso! mi fa passare!!!" l'unico modo e urtarli ed è in quell'istante che come per incanto saltano e si accorgono di essere in un mondo reale mi fanno passare e poi ritornano di nuovo in catalessi "Zombie". 
Immaginatevi di chiedere un'indicazione o peggio ancora sentirvi male e chiedere aiuto, per farvi sentire dovreste fare un bel boato. Già nel mondo in cui viviamo l'indifferenza della gente è altissima figuriamoci ora con l'avanzare di questa nuova razza "ZOMBIE" e assurdo come ragazzi ma anche persone adulte "badate anziane" usino isolarsi dal resto del mondo per ascoltare musica con le loro cuffiette. 
E' vero a volte i rumori di una metropoli sono molto fastidiosi ma e anche vero che con le cuffiette oltre a non sentire chi ne ha bisogno, si rischia anche di mettere in pericolo la propria vita  "non senti il clacson di un'auto, un uomo ti avverte di un sasso che cade.. ecc. ecc." tu rimani li fermo come uno Zombie senza sapere quello che accade intorno a te. 
La tecnologia ci aiuta in tante cosa ma in questo caso ad un isolamento parziale dal mondo che ci circonda. In un futuro remoto dovremmo aspettarci di peggio?  
 

1 commento:

  1. Sono positivamente impressionato nello scoprire la sensibilità con la quale ti ricolleghi al problema sociale utilizzando la tecnologia,ma purtroppo ormai è cosi non so spiegarmi come mai si stia percorrendo questa strada certamente ormai credo che il viale sia stato imboccato e non credo che vi sia una via di uscita. Però oggi credo che ci sia una strada personale,smettere di aspettarsi che le cose possano cambiare al di fuori di noi, cambiare il punto di osservazione,e quello dipende da noi. Spostarsi su lato opposto della strada e guardare se le cose possono apparirci diverse la vita sembra che vada cosi da sempre; in qualsiasi epoca il male fa la differenza da sempre. Solo ogni tanto una piccola stella scalda il cuore del mondo. E’ quella deve diventare la nostra stella, e se siamo in grado di tenercela dentro anche quei ZOMBI potrebbero sembrarci diversi. Ma comunque servirà solo a rendere la nostra esistenza meno pesante. Alla domanda cosa dovremmo aspettarci in futuro? bene io penso che la risposta sia che tutto può succedere e nessuno può dirlo e questa e la cosa più bella. Nessuno conosce veramente il futuro e questa è una stella. SPERANZA è l'unica risposta che conosco .Nel frattempo mi guardo intorno e cerco con le forze che ho a disposizione di rendere la mia esistenza quanto più interessante possibile cercando di soffermarmi sulle persone che fanno parte della mia esistenza, non perdendo mai la speranza che le cose possano andare meglio dedicando attenzione a quelle persone che mi sono vicino. Troppe volte mi sono chiesto come sia possibile essere violenti,come sia possibile che un essere umano nasca storpio oppure che un giovane muoia a due anni o a sedici o la guerra o .....! no c'è risposta. Quindi non mi resta che svegliarmi domani se Dio vuole e farmi una bella passeggiata con mia moglie o guardare il sole o la pioggia o tutto quello che mi verrà regalato. Camillo

    RispondiElimina

Lettori fissi

Hosting